h1

Circus @ Folger

10/02/2011

di Paola Teresa Grassi

Per raggiungere la Folger Shakespeare Library esco presto dal 1808, New Hampshire Ave. e, mentre mi oriento con mappa alla mano, una pioggerella fine mi tiene vigile nel grigio inatteso di Washington. Salgo sull’autobus numero 96 che ferma proprio dietro Capitol Hill. Non c’è anima viva, solo una macchina della polizia. Scendo e mi dirigo verso il “tempio americano” della bardolatria globale, eretto nel 1932 grazie alla generosità di un illustre cittadino, l’industriale Henry Clay Folger. Ispirata da una conferenza di Emerson, Emily Jordan, la futura signora Folger, allora studentessa all’Amherst College, contagiò il marito con la sua passione per Shakespeare che è, dice, «una delle fonti dalle quali noi, gli americani, abbiamo tratto il nostro pensiero nazionale, la nostra fede e la nostra speranza». I due cominciarono la loro raccolta di materiali e per conservarla fecero costruire questo enorme edificio che amplifica in estensione un’idea monumentale di Déco molto diffusa nella capitale. Istituzione intimamente washingtoniana, ma di risonanza internazionale, la Folger non solo custodisce la più ampia collezione shakespeariana al mondo, ma è anche centro culturale ed espositivo, nonché location di un piccolo teatro elisabettiano. È qui che, sabato 5 febbraio, ho atteso, per la prima volta, a una rappresentazione de La commedia degli errori. In realtà, nell’edizione diretta da Aaron Posner, c’è da parlare piuttosto di un’inedita elaborazione familiaristico-circense del giovane copione shakespeariano. Stile preannunciato da alcune note pop anni Sessanta, che risuonano in sala mentre l’allegro pubblico pomeridiano entra disinvolto, e qualcuno addirittura canticchia. Timothy Tushingam, direttore di una immaginaria Worcestershire Mask and Wig Society, modesta compagnia che dice di vantare 250 anni di storia, con alcuni buchi temporali per un totale di 208, sale sul palco per presentarsi: dichiara di essere “arcicontento” nell’allestire proprio qui la sua peculiare versione della “favola” shakespeariana, un montaggio che definisce “Edwardian-ish/British-Mod-Rocker-ish”, qualcosa come “edwardiano-britannicamente rock-alla moda”. E che, anche se apparentemente farsesco, vuole parlare di “esseri umani che sono esseri umani nel modo migliore che conoscono per esserlo”. La storia della WMWS viene raccontata da un divertente filmatino che introduce gli attori nel dietro le quinte e durante le prove e, rimosso il telo, lo spettacolo comincia. Lo humor lascia spazio alla concentrazione e la versatilità attorale si manifesta immediatamente con la triste introduzione affidata al decano della compagnia, Nigel Proun che, nei panni di Egeone imprigionato, racconta del naufragio e dell’incrocio di destini traendo da un cappello le quattro miniature delle due coppie di gemelli. Poi esplode la comicità, che tiene incollati fino alla fine. Le esilaranti battute, qualche licenza drammaturgica, «Dromìo, Dromìo, dove sei tu Dromìo?», ma anche le toccanti riflessioni tutte al femminile e i memorabili monologhi, sono commentati dai tamburi e dallo xilofono del musicista Jesse Terrill, presente in scena truccato da clown. L’incessante avvicendarsi di “errori” coincide con un crescendo di porte sbattute: undici per l’esattezza, ognuna contraddistinta da una diversa accesa cromia, ciascuna predisposta in circolo accanto alla successiva. Le maschere disegnate da Aaron Cromie, tuttavia, definiscono la cifra caratteristica di questa produzione, “neutralizzando”, letteralmente, la presenza pensata dell’osservatore, per lasciarlo vagare e divagare in quel “forse sogno” che, ad un certo punto, uno dei due Antifoli ipotizza: quale dei due, davvero, non saprei dire.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: